Ellis Island. Storie di italiani d’America

Emigranti d'Italia‘Succedeva sempre che a un certo punto uno alzava la testa… e la vedeva. È una cosa difficile da capire. Voglio dire… Ci stavamo in più di mille, su quella nave, tra ricconi in viaggio, e emigranti, e gente strana, e noi… Eppure c’era sempre uno, uno solo, uno che per primo… la vedeva. Magari era lì che stava mangiando, o passeggiando, semplicemente, sul ponte… magari era lì che si stava aggiustando i pantaloni… alzava la testa un attimo, buttava un occhio verso il mare… e la vedeva.
Allora si inchiodava, lì dov’era, gli partiva il cuore a mille e, sempre, tutte le maledette volte, giuro, sempre, si girava verso di noi, verso la nave, verso tutti, e gridava: L’America’. Novecento, Alessandro Baricco.

La Casa della Memoria e della Storia questo freddo inverno ha presentato ‘Ellis Island: italiani d’America’. Mostra, convegno, occasione per ricordare: ‘partire’, ‘arrivare’ e ‘vivere in America’ hanno scandito le grandi tappe del migrante, che con una valigia di legno coperta di carte bollate e timbri, la miseria e il sogno della speranza, si affaccia dal metallo della nave per vedere un futuro sconosciuto. ‘Ellis Island: italiani d’America’ nasce da un’idea di Nino di Paolo in collaborazione con il Museo dell’Emigrazione di Cansano, presso L’Aquila. Una piccola raccolta di foto, un filo di voce che accompagna cantando il nostro sguardo rievocano una storia che fa parte della nostra memoria collettiva. Italiani, popolo di migranti. In ogni epoca ci siamo spostati tessendo i fili di una storia spesso dimentica e che eppure ci rende ciò che siamo.

In the heart of Rome there is Trastevere. And in the heart of Trastevere you will find la Casa della memoria e della Storia, a history research centre. We cannot know our identity without knowing our past, this is the proposal and the goal. This winter the museum presented ‘Ellis Island: italiani d’America’. Ellis Island, the place where boats from Europe stopped in America. Ellis Island, the place where people traveling on the ocean arrive in America, full of poverty and big dreams. And they stopped there for a long moment. The exhibition, small and really full of atmosphere, has been an occasion to remember. Italians, people of migrations, in every times. Because our history makes the people we are.

26 commenti

Archiviato in Culture

L’artista viaggiatore. Artist and traveler.

L'artista viaggiatoreRavenna presenta  ‘L’artista viaggiatore’, una mostra che dipana colori e parole sul filo del viaggio. E soprattutto degli indomiti viaggiatori di ogni epoca. Una pennallata vivida e intensa di artisti e viaggiatori che attraversa fogli, appunti, tele e inchiostro di parole che hanno lasciato riflessioni e meditazioni sul senso del viaggiare. Ulisse, James Cook, Marco Polo: esploratori di carta e pensiero, viaggiatori in carne, ossa e sangue. La mostra evoca il mito del viaggio attraverso spiragli che si aprono tra i panorami dell’Africa, Asia, America Latina e Oceania, tra deserti e saline, inseguendo un’arte che si è nutrita del viaggio spasmodicamente. Arte della scoperta, innanzitutto.

The fascinating city of Ravenna presents ‘L’artista viaggiatore’, an exhibition about great personalities, in art and as travelers. Artists and travelers, because the route of art always had a big contact with the roads of the big world.  The big world and its faces, smells, intriguing shapes: an unknown country as the image of an art that is always discovery and research. You can enjoy the exhibition till June 2009 and you will find papers, colours, words and images of explorers of all times. Ulysses, James Cook, Marco Polo: travelers of different times, men with different minds. Men wondering. Because curiosity seems to be the great lens to analyse the deepest regions of man where the discovery of the world becomes the only way to pass through ourselves.

‘L’artista viaggiatore. Da Gauguin a Klee, da Matisse a Ontani’, 22.2.2009 – 21.6.2009, Ravenna, MAR, via di Roma 13

1 Commento

Archiviato in Art

Shadow of art

Sombra de PicassoUna mujer y un amante: la luz de una vela traza el contorno de amor. Asì Plinio el Viejo conta el orijen de la peintura. ‘La sombra’ es el tema de la exposiciòn en curso en Madrid.  La sombra, tema artístico que representa en manera preculiar cada época, se desarolla a través de las manos de los artistas. La presente exposición se propone un percurso en la historia del arte, relevando caracterìsticas y problemas suscitado por la  representación de la sombra desde el Renacimiento hasta nuestros días.

Madrid explores shadow in the exhibition actually in Thyssen Bornemisza, museum of Madrid. ‘Shadow’ will be in Madrid till May and it wants to explore the use of shadow throughout history. One girl, one lover and  his profile  drawn in the soft light of a candle. In this way Pliny the Elder narrated the beginning of art. Shadow is a great subject and through the eyes of  different artists the exhibition creates an enlighten route in the history of art, from the Renaissance Period right up to the present day.

10.02.2009 – 17.05.2009  Info http://www.museothyssen.org

Lascia un commento

Archiviato in Art

Madre Terra, by National Geographic

Madre Terra

 Centouno scatti e cinquantotto fotoreporter: dal 7 febbraio al 29 marzo lo spazio Fontana del Palazzo delle Esposizioni di Roma presenta la mostra ‘Madre Terra’ curata da Guglielmo Pepe, direttore di National Geographic Italia. National Geographic presenta questa seconda rassegna fotografica dedicata alla salvaguardia del pianeta dopo la prima esposizione, ‘Acqua, aria, fuoco, terra’ organizzata nella primavera dello scorso anno in occasione del decennale dell’edizione italiana del mensile.Attraversando paesaggi umani e naturali dal fascino incredibile quanto precario, lo spettatore è guidato dai ghiacci alle sabbie più torride dei deserti in un percorso alla scoperta di scenari incredibili. Perchè anche un click appare gesto di scoperta nei confronti del grande pianeta che ci ospita.

101 and 58 reporters: National Geographic presents in Italy the exihibition ‘Madre Terra’, Mother Earth.

You can enjoy waste landscapes and deserts of colorful sands in Rome, Palazzo delle Esposizioni, from 7 Febbraio to 29 March 2009. Guglielmo Pepe, director of National Geographic Italy is proposing this exhition after the last exihibition, organised in Rome in springtime 2008 and focused on water, air, fire, earth, for the ten-year of the Italian edition of National Geographic. 

Through  human and natural horizons full of a spectacular and precarious fascination, you will enjoy wonderfull scenaries, from ices to hot deserts. Because one click can be the first step to discover the world.

Lascia un commento

Archiviato in Art

Andrea Palladio moves to London

Modello in scala

Savour the voluptuous forms of one of the most famous Italian architects at Royal Academy of Arts exhibition

This year marks five hundred years since the death of the Italian architect Andrea Palladio. The Royal Academy of Arts is proposing an exhibition thirty years after the last exhibition in London.

The exhibition ‘Andrea Palladio: his life and legacy’ is organized by CISA – the International Centre of Studies of Architecture Andrea Palladio – and it arrives in London in January 2009 after its debut in the Italian city of Vicenza, where the artist came from and where it has been visited by about 100.000 visitors.

Andrea Palladio was one of the most important Italian architects, but his importance lies in the effect he had on architecture over time and even to this day. He worked in the Northeast region of Italy around the area of Venice. He looked at the rigorous and polished shapes of the Classic Style, but hunted through the tradition with a different eye. His modern mind was able to change and reinvent tradition, creating a revolutionary road for future generations of architects.

His architectural language was encompassed both functional needs and aesthetic lines. He designed public buildings and churches. He planned houses, the famous Italian villas that it is possible still now to see in the countryside of the Italian region of Veneto, between green hills, waterways and classic fountains with water games created by ancient human hands.

Above all these noble dwelling houses, together with the city palaces, became famous exemplars able to influence both European and American architecture. The exhibition presents original drawings, scale models, 3D animation, paintings and books to show the Palladio’s genius from all angles.

His lines have the white and clean consistency of the Reinassance’s elegance and the essential simplicity, a prophetic quality for times to come.

New aspects of Andrea Palladio’s style are noticeable nowadays. They are not simply remnants, but a living dialogue between generations. And in the heart of London among the visual power of high technology you will enjoy a deep emotional response to his architecture like being in a Palladian Italian villa of a long-ago Italy, remote but still full of vibrant life.

Andrea Palladio: his life and legacy, Royal Academy of Arts – Main Galleries, London, 31 Jan—13 Apr, is open 2009 daily 10am to 6pm. Info: 020 7300 8000  www.royalacademy.org.uk

Lascia un commento

Archiviato in Art

LA VALIGIA A CUBA: LA HABANA

PETTEGOLEZZI GEOGRAFICI

Cuba è cresciuta nel cuore blu dei Mar dei Caraibi, scura e orgogliosa come la canna da zucchero, importata dai colonizzatori. Simbolo nazionale dell’isola di Cuba è la palma reale, utilizzata ovunque dalla cucina all’agricoltura.

 

CON LO ZAINO IN SPALLA

 Cuba è piena di cartelloni, attendono ovunque, accolgono lo sguardo ai bordi delle strade, incitano i pensieri. I cartelloni a Cuba sorridono luccicanti promesse: rigidi uomini di carta che ammiccano parole di vernice nera. Incitano battaglie, ricordano vincite.

 

 Radio Rebelde oggi è una frequenza che si è persa, tra le interferenze del tempo dove ora ribelle è sintonizzarsi sui canali techno. Oggi l’isola vive in confini disegnati da una matita arrivata alla fine. I cubani posizionano le tv fuori dalle case e si siedono sotto il fogliame di palma reale, mentre i bambini sono nugoli di api ronzanti, che corrono inventandosi giochi tra le strade polverose.

 

Santiago è il capolinea della linea ferroviaria, costruita per il trasporto della canna da zucchero. Qui termina la Carretera Central che attraversa tutte le regioni centrali dell’isola di Cuba fino alla vasta pianura occupata dalle province orientali. Allevamenti, zucchero, industrie: la popolazione cubana di questa zona è da sempre considerata la più attiva e da sempre orienta la politica cubana.

 

Le strade sterrate attraversano una campagna brulla. A Cuba tutto è memoria di una storia rivoluzionaria, che procede marciando dalle guerre di indipendenza allo sbarco di Castro con il leggendario yacht Granma. Oggi il motoscafo Granma è a La Habana, visibile dalle vetrate del Museo de la Revoluciòn in Calle Refugio, Avana Centro e da nome al più importante, si può dire l’unico, quotidiano del paese.

A Cuba la religione si fonde e confonde nella vergine nera di Regla e i nomi segreti di Madre d’Acqua, Yemayà, Sette Gonne. Cuba è così, pallida e negra, santeria e cristianesimo. Il Che e Camilo Cienfuegos, Castro: miti e eroi, leggende che sfumano in una realtà lontana dal sogno, sempre di più.

 

Fernando Ortiz ci parla Cuba governata dalla trinità di tabacco, zucchero e alcol. Zucchero, prodotto della civiltà e anima dolce, bacio e risata, che prende a braccetto il trinciato forte, un odore che ondeggia ovunque nelle città, tabacco selvaggio e nota amara dell’esistenza, meditazione sulle cose. Alcol come il rum, che scende nelle gole arse di sole e fatica, rum invecchiato come le facce rigate dei vecchi cubani, magrissimi e leggeri, che brandiscono un sigaro e accennano un sorriso lasciando passare tra le labbra aride due note fischiate, mentre i piedi dentro le scarpe tirate a lucido volano insieme alle spalle armoniose come onde.

 

I SECOLI RACCONTANO

Cristoforo Colombo sbarca nell’isola il 28 ottobre 1492 e la battezza Juana. I pochi centinaia di indios si fusero con i bianchi conquistatori e la schiavitù negra: nei visi cubani si fondono occhi di ghiaccio corsaro e pelli bruciate di sole.

 

La Habana è la più vecchia città delle Americhe, ha una faccia meticcia e secondo la leggenda fu fondata nel 1515 all’ombra di un albero di ceiba. Città di fortezze, oggi i castillos sono ombre leggere sul porto, castelli di carta non più espugnabili incrostati di salsedine.

Le navi arrivavano nel porto cariche d’oro e di spezie, mercanzie, pirati e schiavi. Imprendibile fino al 1762, La Habana con i suoi circoli e università, diventerà uno dei principali centri intellettuali dell’America Latina.

Sanguinose quanto disperate le insurrezioni inzupparono il XIX secolo di sudore rivoluzionario. 1902: la Repubblica, sposa desiderata, venne finalmente proclamata. Giovane uccisa, ad essa si sostituirono presto le dittature.

 

 PARTIRE/VIAGGIARE: COSA PORTARE IN VALIGIA A CUBA

La tua pallida testa di quindici occhi/e la tua bocca di sangue sprofondato’, cantava una poesia. L’isola manca di medicinali, viveri, materiali scolastici, energia. Portate un foulard per ripararvi dal sole e matite, dolci per i bambini che incontrarete sulla vostra strada.

Libri consigliati: ‘Prima che sia notte’, di Reinaldo Arenas e ‘Il vecchio e il mare’ di Ernest Hemingwey.

 

ARTE

Oggi la statua di un corpulento uomo appoggiato al bancone nella penombra lascia intravedere Ernest Hemingway, come fosse lì, coi gomiti appoggiati e lo sguardo vecchio che sogna il mare.

Buena Vista Social Club ha immortalato in una pellicola di grande successo la musica cubana, con i suoi protagonisti e le storie. Perché a Cuba la musica è un fatto dell’anima e prende i contorni evanescenti delle serate dove basta un passo per ritmare le ore.

Volete leggere l’ufficiale strumento di comunicazione del partito comunista cubano? Andate sul sito http://www.granma.cubaweb.cu/ 

 

 Hatuey fu il primo indio a ribellarsi contro i conquistadores. Catturato e bruciato vivo, rimane simbolo dell’indipendenza. Corpo perduto, come le teste di idee di tutti gli uomini che il mare segreto ancora conserva in silenzio. Denti in frantumi, ma lingue che ancora parlano.

Chi sono gli scrittori cubani? Dove gli artisti, i pensatori, gli anticonformisti?

Da José Martì, poeta e eroe nazionale, a Reinaldo Arenas, perseguitato e ostracizzato, dove sono sono finiti? Vagabondando per la città tra strade limpide di pulizia e i cartelloni arrugginiti di vecchi cinema dai nome ancora americani, l’aria ha un’odore dolce, aroma forte di un trinciato scuro.

Attraverso la Habana Viella dove le strade cominciano a essere meno nitide, cammino per il Malecon dove la conttraddizione ha la faccia di europei accompagnati da belle ragazze troppo giovani e signore strabordanti al braccio di ragazzi alti. Parlo con una farmacista, chiedo il perchè di tutte queste botteghe d’arte così mostrate e ostentate. Cuba è piena di studi, di colombe che volano dentro le finestre aperte dove un pittore accavalla le gambe e incurante degli schiamazzi, sprizza colore. La Habana è piena di gialli, di rosso, verde che cola dalle piante sulle tele.

Ma lo sai anche tu, non ci sono artisti a Cuba.

Qui i pittori sono artigiani vivaci che mettono colore per coprire forse le nubi mentre per le strade gli intonaci si disfano nella polvere. Guardo le strade. E La Habana è viso con un trucco che cade a pezzi, maschera struggente, intelaiatura che non nasconde una casa. E nel vuoto rimane forse la musica, note che volano nell’aria mentre la notte si cala e uomini magri si alzano dalle sedie. Hanno abiti che ballano sulle costole scarne e scarpe lucide.

E allora capisco che qui arte deve essere movimento che si libra, imprendibile.

 

 ARRIVARE E SPOSTARSI A CUBA

L’aereo è un mezzo comodo e disponibile per raggiungere Cuba. Ci sono anche voli diretti dagli USA, ma i cittadini statunitensi devono avere un permesso speciale dal Ministero del Tesoro, che lo concede solo a giornalisti, ricercatori e a pochi altri.

I voli interni sono garantiti dalla compagnia aerea nazionale Cubana de Aviaciòn, che collega le principali località dell’isola.

La rete stradale cubana è tra le più estese dei paesi dell’America Latina, anche se la scarsità di carburante rende talvolta difficile gli spostamenti. I camiones particulares sono autocarri privati che offrono servizi in particolare nella parte orientale di Cuba.

Il servizio pubblico degli autobus è l’Asociaciones de Transportes por Omnibus e garantisce il collegamento con tutte le località dell’Isola.

Molti cubani fanno l’autostop: ‘hacer botella’ (letteralmente ‘fare una bottiglia’ con la mano). Pensate che se hanno spazio i veicoli statali devono far salire per legge gli autostoppisti e all’uscita delle città o presso i grandi incroci vi capiterà di incrociare i funzionari, gli amarillo, che organizzano i cubani in fila in attesa di un passaggio.

 

AEROPORTI INTERNAZIONALI A CUBA

José Martí. La Habana

Juan Gualberto Gómez, Varadero, Matanzas

Vilo Acuña, Cayo Largo del Sur

Ignacio Agramonte, Camagüey.

Frank País, Holguín

Antonio Maceo, Santiago de Cuba 

Sierra Maestra, Manzanillo, Granma

Máximo Gómez, Ciego de Ávila

Jaime González, Cienfuegos

 

1 Commento

Archiviato in Travel

Autunno caldo in valigia

La valigia torna, senza orologi né calendari. Persa nel labirintico intrigo delle sensazioni estive, si tuffa in quest’autunno 2008 di pagine che scottano. Zigzagando in un settembre caldo tra sindacati in lotta e cronaca nera sempre all’ingrasso, la valigia si apre ai climi, soprattutto mentali, in calda ascesa.. praticamente bollente.

In settembre si strillano sempre una gran quantità di parole d’ordine. Tra le belle pagine ruvide di una rivista fine stagione mi attende una lista di cose da fare per iniziare bene l’autunno. Buttare, buttare, buttare.

Sì, parola d’ordine: alleggerirsi. Buttare i vestiti vecchi, buttare le cose inutili, eliminare le persone negative e i contatti noiosi. Buttare e alleggersi.

Bene, reset per pulire le cervella. Ma per il reset serve la punta di matita. E allora rievoco le scatole di pennarelli lasciate a metà. Giocattoli con il naso scolorito, calzini spaiati, forchette e scatole di cartone piene di fotografie e cartoline fuori moda. Polvere.

Invito a entrare nella polvere. Quella delle vecchie soffitte che da piccoli si sognano inevitabilmente, territorio di matrigne di carta e eroi che volano fuori dalle finestre. Invito a un’inversione di tendenza: sovrabbondanza.

Perchè no? Dopo tutto si vive in mondo caotico. Ma forse proprio nella polvere delle vecchie soffitte, tra cassetti troppo pieni e oggetti che non usiamo, possiamo .. pensare. Riflettere. Trovare agende troppo vecchie con telefonate da fare in ritardo.

Possiamo trovare tempo. Trovare stagioni, sopratutto mentali. E essere semplici. O, almeno tentare.

Buon autunno!

Lascia un commento

Archiviato in Travel